Smart Wallet, un nuovo modo di accedere alla DeFi

Gli smart wallet saranno la porta d'accesso semplificata verso la DeFi.

Contenuti dell'articolo

Il problema della DeFi

La finanza decentralizzata sta facendo passi da gigante in termini di sviluppo e innovazione di nuove dApp e servizi, ma c’è ancora una caratteristica di questo settore che è rimasta molto indietro: l’esperienza d’uso dell’utente finale.

Ogni giorno scopriamo e utilizziamo dApp incredibili che, grazie ai loro smart contract, stanno letteralmente rivoluzionando interi settori finanziari.

Lo stesso livello di sviluppo e avanzamento tecnologico però non è ancora stato raggiunto sul fronte della UX (user experience) in quanto ancora oggi, anche solo avvicinarsi alla DeFi, è molto complesso.

Per muovere i primi passi on-chain, bisogna innanzitutto ottenere delle crypto, conoscere quali sono le monete per pagare il gas delle transazioni e comprendere la differenza tra i token e le monete.

La difficoltà maggiore (secondo noi) che gli utenti incontrano prima di poter accedere alla DeFi è sicuramente quella della creazione di un wallet non custodial e della gestione della seed phrase, ovvero la chiave che protegge tutti i fondi depositati nel portafoglio.

Oggi però questo problema potrebbe essere definitivamente risolto grazie a quelli che sono stati definiti Smart Wallet, ovvero wallet non custodial classici ma che si possono creare con un processo estremamente semplificato che non richiede agli utenti di dover salvare e gestire la seed phrase.

Il passato e il futuro

Il procedimento fino ad oggi più utilizzato dagli utenti della DeFi per creare un nuovo portafoglio è stato quello di identificare un provider di wallet, come per esempio Metamask oppure Rabby wallet (qui la guida ai migliori wallet non custodial) e salvare su un foglio di carta o in altre modalità le 12 o 24 parole della seed phrase, lasciandole poi in un luogo molto sicuro e lontano da occhi indiscreti.

Questo procedimento, lento e abbastanza complesso, sarà solo un lontano ricordo grazie agli Smart Wallet, dato che tutto il processo verrà semplicemente nascosto all’utente finale.

Come facilitare la creazione di un wallet

La parola magica in questo caso è “passkey“.

Questo è un nuovo standard di sicurezza basato su tecnologia crittografica che è utilizzato per custodire e gestire password e dati privati.

Recentemente questo è stato utilizzato anche nella creazione di portafogli non custodial e nella gestione della loro seed phrase ed è proprio qui che nascono gli smart wallet.

Grazie alla passkey, il processo per creare un wallet DeFi è stato molto semplificato e ora richiede una durata massima di 10 secondi.

Invece di dover salvare la serie di 12 o 24 parole, l’utente non dovrà far altro che connettere la propria passkey, tramite FaceID o impronta digitale, al nuovo wallet è il gioco è fatto.

All’atto pratico dunque, creare un wallet ed accedervi giornalmente sarà esattamente come sbloccare il proprio smartphone con i propri dati biometrici.

L’esempio dello Smart Wallet di Coinbase

Coinbase, uno degli exchange centralizzati più importanti del settore, ha recentemente rilasciato il suo smart wallet ed è stato subito un successo incredibile.

Come anticipato prima, questo wallet si può creare tramite passkey e ha l’obiettivo, grazie alla sua semplicità, di portare on-chain oltre un miliardo di utenti.

Coinbase ha inoltre recentemente lanciato anche il suo layer 2, Base, e questo nuovo portafoglio è perfettamente integrato con questa chain.

Spesso, negli anni passati, si diceva che la mass adoption del mondo crypto non sarebbe arrivata fino a quando la DeFi e il suo processo di onboarding non fossero stati semplificati.

Bene, ora quel momento è arrivato dato che in pochi semplici click si possono avere i propri fondi on-chain e pronti a essere utilizzati all’interno della DeFi.

Cosa significa questo per la DeFi

Base è stato uno dei layer 2 che maggiormente è cresciuto negli ultimi mesi e gran parte del merito lo si può attribuire a questa perfetta integrazione con l’exchange centralizzato e il recentissimo smart wallet.

Coinbase è riuscito a facilitare l’onboarding in DeFi per tantissimi utenti e la maggior parte dei quali è riuscito ad indirizzarli verso il suo ecosistema on-chain con Base che si trova ora alla seconda posizione in termini di TVL fra tutti i layer 2, nonostante questo sia tra gli ultimi arrivati.

Questo è il primo risultato tangibile di un sistema semplificato che aiuta gli utenti ad entrare all’interno della finanza decentralizzata e siamo sicuri che questo è solo l’inizio di una nuova rivoluzione.

La DeFi continuerà a crescere e queste innovazioni ne valorizzeranno ancora di più l’adozione da parte del mondo intero.

Questo contenuto è frutto del lavoro di persone che amano il mondo Crypto. Seguici sui nostri canali!
Condividi su

Ultime notizie

Scopri le 10 ABITUDINI per la tua SICUREZZA CRYPTO.

Inserisci la tua email qua sotto per ricevere SUBITO la GUIDA in PDF: Riceverai la GUIDA via email