Proto-Danksharding: cos’è e perché cambierà la DeFi?

Il Proto-Danksharding è il prossimo aggiornamento per la blockchain di ETH è migliorerà la scalabilità dei layer 2 di oltre 10 volte.

Introduzione al Proto-Danksharding

Nei nostri articoli settimanali, stiamo seguendo l’evoluzione dell’aggiornamento di Ethereum noto come EIP-4844, che include il tanto atteso Proto-Danksharding. Oggi, approfondiremo questo aggiornamento per comprendere cosa rappresenta concretamente, i vantaggi a lungo termine per l’ecosistema di Ethereum e tutto ciò che è essenziale sapere. Quindi, preparatevi e iniziamo!

Il Proto-Danksharding è contenuto all’interno della sopra citata EIP-4844. Questo aggiornamento trasformerà la blockchain di Ethereum anche se i veri beneficiari di questo aggiornamento saranno i suoi layer 2, come Optimism e Arbitrum. Per apprezzare appieno questa rivoluzione è fondamentale però comprendere il funzionamento dei layer 2 di ETH quindi faremo un piccolo riassunto prima di continuare.

Come funzionano i layer 2 di ETH?

Come noto, i layer 2 mirano a migliorare la scalabilità della blockchain di ETH, mantenendo al contempo la sua sicurezza. Il loro compito è “semplicemente” quello di aggregare molte transazioni, creare un riassunto tramite la tecnologia rollup e inviarlo alla blockchain principale.

Esistono due principali famiglie di layer 2, ovvero quella che utilizza tecnologia Optimistic rollup, come Optimism e Arbitrum, oppure quella che utilizza gli Zero-Knowledge rollup, come Linea o ZKsync.

Entrambe hanno pro e contro e in questo articolo abbiamo esplorato tutte le differenze fra queste tecnologie, che però, alla fine dei conti, riescono ad offrire una scalabilità più o meno simile.

La novità del Proto-Danksharding

Ora che abbiamo una visione generale del funzionamento dei layer 2, introduciamo il Proto-Danksharding. Questo aggiornamento permette un nuovo tipo di transazione che la blockchain di ETH può elaborare, contenente “blobs” di dati. Questi blobs di dati, essenziali per comprendere il Proto-Danksharding, possono essere visti come contenitori che aggregano molteplici transazioni, riducendo lo spazio occupato all’interno di un blocco.

I benefici principali di questo aggiornamento saranno appunto per i layer 2, in quanto saranno loro che genereranno questi blobs di dati da inviare alla blockchain di ETH, che ora, grazie all’aggiornamento, sarà in grado di elaborarli. Dopo il rilascio, i layer 2 di ETH implementeranno dunque una doppia aggregazione: la prima tramite la tecnologia rollup e la seconda tramite la creazione di questi blob di dati ancora più compatti da inviare poi alla blockchain di ETH, dalla quale derivano la sicurezza.

I blobs e la scalabilità dei layer 2

È cruciale sottolineare il fatto che le transazioni blob avranno una durata limitata sulla blockchain, il che significa che verranno eliminati dopo un certo periodo. Questo è stato deciso per preservare la blockchain a lungo termine, evitando di sovraccaricarla di dati all’infinito.

L’aggiornamento non è ancora stato lanciato in via ufficiale, ma come vi abbiamo raccontato in questo articolo, il secondo test sulla testnet di Sepolia ha avuto esito positivo. Si attende ora l’ultimo test sulla testnet di Holesky prima del rilascio ufficiale in mainnet. Gli sviluppatori di ETH stimano che questo aggiornamento possa aumentare la scalabilità dei vari layer 2 di oltre dieci volte, riducendo, per esempio, il costo di una transazione su blockchain come Optimism da 0,10$ a soli 0,01$.

Perché rivoluzionerà la DeFi?

La blockchain di ETH e il suo ecosistema sono stati sempre considerati tra i più sicuri, ma anche tra i più costosi per le operazioni. Il Proto-Danksharding è il primo aggiornamento che va a migliorare significativamente la scalabilità di questo ecosistema, aspetto fondamentale se si vogliono raggiungere sempre più utenti.

Molti si chiedono perché questo aggiornamento non sia stato implementato prima. Fino a settembre 2022, ETH operava con un meccanismo proof of work, il che rendeva impossibile un aggiornamento come l’EIP-4844. Solo dopo il Merge, gli sviluppatori hanno potuto concentrarsi su soluzioni che saranno implementate nei prossimi mesi.

Non diamo nulla per scontato

Anche se i test sulle varie testnet sono stati generalmente positivi, non si deve dare per scontato che l’aggiornamento non incontrerà ulteriori ritardi dell’ultimo minuto. Una volta rilasciato in mainnet, non potrà essere eliminato facilmente, il che significa che gli sviluppatori devono essere sicuri che non ci sia neanche un bug nel codice.

Questo aggiornamento, per importanza e complessità, si posiziona subito dopo il Merge, il che richiederà, anche a noi utenti, la massima attenzione nelle ore immediatamente successive al lancio. Per ora, questo è tutto ciò che sappiamo sull’attesissima EIP-4844. Vi invitiamo infine a seguire il nostro canale telegram per rimanere aggiornati in tempo reale su questo e altri temi del mondo crypto!

Questo contenuto è frutto del lavoro di persone che amano il mondo Crypto. Seguici sui nostri canali!
Condividi su

Ultime notizie

Scopri le 10 ABITUDINI per la tua SICUREZZA CRYPTO.

Inserisci la tua email qua sotto per ricevere SUBITO la GUIDA in PDF: Riceverai la GUIDA via email