PancakeSwap v4: tutto quello che c’è da sapere

Entro fine anno arriverà PancakeSwap v4. Scopriamone tutti i segreti come gli hooks e le pool customizzabili.

Contenuti dell'articolo

Introduzione a PancakeSwap

PancakeSwap, alle sue origini, era un semplice exchange decentralizzato che utilizzava il modello più diffuso all’interno della DeFi, ovvero l’Automated Market Making. Nel tempo è poi diventato il principale DEX dell’ecosistema creato da Binance e quindi sulla BNB chain.

Dal lancio di PancakeSwap nel 2020, questo DEX ha raggiunto traguardi incredibili come 711 miliardi di volume totale scambiato, 1,8 milioni di utenti attivi, 2,78 miliardi di TVL e l’espansione su nove diverse blockchain.

Sebbene PancakeSwap v3, ovvero l’attuale versione di questo DEX, abbia già apportato diverse modifiche al design iniziale, come la creazione di mercati più efficienti e l’aumento dei rendimenti dei liquidity providers grazie all’introduzione della liquidità concentrata; questo DEX, come tutti quelli della DeFi, ha ancora diverse problematiche o, per meglio dire, “mancanze“, rispetto ai suoi competitor centralizzati.

PancakeSwap v4, che analizzeremo in questo approfondimento, ha l’obiettivo di ridurre la distanza tra gli exchange decentralizzati e i suoi competitor centralizzati, soprattutto in termini di esperienza d’uso dell’utente e di efficienza del capitale.

PancakeSwap V4

La missione che PancakeSwap v4 si propone di risolvere è quella, come detto prima, di migliorare le carenze degli attuali exchange decentralizzati, tra cui l‘inflessibilità dei modelli di prezzo per le varie pool, la mancanza di funzioni per i trader già presenti all’interno dei CEX, l’esperienza d’uso dei liquidity providers e le costose commissioni di gas on-chain per gli utenti.

Chef Mochi, il capo degli sviluppatori di PancakeSwap, ha dichiarato che: “Il codice di PancakeSwap v4 sarà rilasciato con una licenza open source. Punterà a risolvere i problemi attuali degli AMM, inclusa l’inflessibilità dei modelli di pricing per gli asset, la mancanza di funzioni presenti sui CEX, l’impermanent loss per chi offre liquidità e il costo delle commissioni.”

Secondo le attuali stime condivise dal team, la quarta versione di questo DEX verrà aperta al pubblico entro fine anno e sarà disponibile su due blockchain, quella di Ethereum e quella di Binance.

Ma quali saranno i miglioramenti pratici all’interno della quarta versione di questo DEX?

Principalmente questi tre:

  • Hooks
  • Pool customizzabili e donazioni
  • Ottimizzazione del gas & Flash Accounting

Approfondiamoli ora uno per uno.

Gli hooks spiegati semplice

Gli Hooks, che in italiano si traducono come “ganci”, sono smart contract sviluppati al di fuori del codice principale di PancakeSwap e che si integrano all’interno del DEX.

Dobbiamo pensare a questi hooks come a dei plugin esterni che consentono agli sviluppatori di aggiungere funzionalità aggiuntive personalizzabili alle pool di liquidità. Questi componenti aggiuntivi consentiranno di modificare la tipologia delle commissioni addebitate per un’operazione e il tipo di ordine di negoziazione (ad esempio, ordini a limite o di mercato).

Questi sono solo due esempi, ma in realtà tramite gli hooks si potranno creare un’infinità di nuove funzionalità all’interno di questo DEX.

La cosa ancora più interessante? Coloro che creeranno questi hooks, che saranno sviluppatori esterni a quelli di PancakeSwap, potranno decidere se aggiungere commissioni extra alla loro feature e se tenere i guadagni per sé o se distribuirli alla community di PancakeSwap.

Pool customizzabili e donazioni

PancakeSwap v4 supporterà diverse tipologie di pool, tra cui:

a) CLAMM (Concentrated Liquidity Automated Market Maker): PancakeSwap v4 ovviamente supporterà il modello già in utilizzo all’interno del DEX, ovvero il CLAMM.

Questo, introdotto da Uniswap V3, permette ai liquidity providers di posizionare la loro liquidità in maniera concentrata attorno a un determinato livello di prezzo.

b) LBAMM (Liquidity Book AMM): Questa sarà la vera prima novità in termini di nuove pool e il team di PancakeSwap l’ha chiamata Liquidity Book AMM.

L’idea alla base è quella di cercare di emulare un classico order book all’interno della blockchain e dare la possibilità ai liquidity providers di posizionarsi non più all’interno di un range, ma all’interno di singole candele di prezzo, annullando di fatto l’impermanent loss, ovvero il fattore più fastidioso quando si opera come liquidity providers all’interno dei DEX.

c) Qualsiasi altro tipo di pool future: PancakeSwap v4 è stato progettato per essere flessibile e al passo con i tempi, consentendo l’implementazione di nuovi design AMM, anche grazie all’introduzione degli hooks.

Gli sviluppatori potranno esplorare tipi di pool innovativi per rispondere alle richieste del mercato in evoluzione ed è quindi possibile che già pochi mesi dopo il lancio ci saranno nuove tipologie di pool all’interno di questo DEX.

A lato di tutto ciò ci sarà anche la possibilità di donare alle varie pool, il che significa che di fatto gli holder di CAKE potranno incentivare direttamente gli LP in diverse pool, migliorando i rendimenti e attraendo dunque maggiore liquidità.

Singleton e flash accounting

A differenza della v3, dove ogni pool richiede uno smart contract separato, la v4 cambia tutto in quanto tutte le pool saranno gestite da un unico contratto, chiamato singleton. Questo, secondo le stime del team, ridurrà il costo di creazione di nuove copie del 99%.

Anche il costo del gas per l’utente finale vedrà un ulteriore riduzione soprattutto per gli swap che scambiano token non depositati insieme in una singola coppia ma che richiedono l’uso di più coppie.

La funzione di Flash Accounting è infine una funzionalità che verrà implementata per ottimizzazione ulteriormente il gas pagato dagli utenti e lo farà semplificando il processo di contabilità al momento dello swap.

Conclusioni

PancakeSwap v4 promette di essere un passo in avanti significativo verso la creazione di un ecosistema DeFi più efficiente, facile da utilizzare e competitivo rispetto al mondo centralizzato.

Tutti gli aggiornamenti che abbiamo analizzato, come gli hooks per l’aggiunta di funzionalità personalizzate, la diversificazione delle tipologie di pool e l’ottimizzazione del gas con il Flash Accounting miglioreranno questo DEX a 360° e la DeFi intera ne beneficierà.

Il team ha già annunciato che il codice sarà completamente open-source e che gli sviluppatori esterni potranno ricevere un incentivo fino a 500.000 dollari per costruire nuove funzionalità tramite gli hooks.

Ovviamente però non potremmo definire questo aggiornamento un successo fino a quando non verrà rilasciato in mainnet e dunque non ci rimane altro che aspettare gli ultimi mesi del 2024.

Questo contenuto è frutto del lavoro di persone che amano il mondo Crypto. Seguici sui nostri canali!
Condividi su

Ultime notizie

Scopri le 10 ABITUDINI per la tua SICUREZZA CRYPTO.

Inserisci la tua email qua sotto per ricevere SUBITO la GUIDA in PDF: Riceverai la GUIDA via email